Crea sito

Movimento Rigeneratore

il movimento all'origine della vita

pr.: KATSUGEN UNDO]

]]

Movimento Rigeneratore è la traduzione italiana di Katsugen Undo [il movimento all’origine della Vita]. Questa italianizzazione è incompleta, se volete conoscere la portata reale di questa unica e incredibile pratica del movimento vitale…

01.

La “ginnastica” della Vita

Non una pratica, né un metodo, ma uno strumento che la vita ci offre per  “resettarci”!

02.

Movimento Vitale

Il movimento spontaneo, che cos’è? Il link tra cosciente e non cosciente cellulare, un movimento continuo tra tensione e distensione…

03.

Niente di più semplice!

La differenze con altre pratiche? Che non è… una pratica! Il movimento viene dall’interno e voi lo seguite, è quello giusto e piacevole per voi, nessuno vi dirà cosa dovete fare e perché vi fa bene…

04.

Il codice segreto della vita

5 Movimenti naturali Intelligenti, la grande scoperta di Haruchika Noguchi, un patrimonio per l’umanità…

05.

La Vita non si cura, la Vita si soddisfa…

Basta un granello di sabbia per inceppare un potente motore e una goccia soltanto fa traboccare il vaso. La vita si coagula, congela, inibisce e il movimento rigeneratore è l’unica pratica in grado di rivelarvi le zone ben precise di Tensione Parzializzata Eccessiva.

06.

Vuoi praticare ?

Cosa aspetti? E’ il movimento vitale che ti ha fatto nascere e ti tiene in vita…

3 esercizi, un po’ di rituale e via… così cominciate a praticare il movimento rigeneratore se siete in Giappone o in un dojo legato a Itsuo Tsuda…

Ma cosa succede se non vi muovete, o se vi compiace un poco lasciarvi andare a movimenti un pò teatrali o scenografici stile meditazione dinamica di Osho? A cosa serve realmente il MR? Come si pratica? E’ un mistero per pochi iniziati o uno strumento che vale la pena di far conoscere a tutta l’umanità?

E’ lo scopo di questo sito spiegare concretamente la grande realtà di questa fantastica pratica di seitai, nata da Haruchika Noguchi il cui vero nome, Katsugen undo non è mai stato cambiato dal suo creatore e funziona sempre insieme a yuki.

01.

Non una pratica. Non un metodo.

∅∇∅

Riuscite a immaginare un pianista che salga sul palcoscenico senza aver messo a punto il proprio strumento?

Eppure nella vita noi funzioniamo così, senza renderci conto che abbiamo un’arte che ci permette in tempo reale e con la massima efficacia di “resettarci”. E’ un’attitudine naturale (più o meno tutti fanno katsugen undo, gesticolare, starnutire, cercare la posizione giusta per addormentarsi), che non sappiamo riconoscere.

Per dirla in termini in voga oggi, katsugen undo è come un’applicazione che avete scaricato, ma non configurato.

Quindi non è un metodo, né un qualcosa dal vago sapore orientale, per quanto nata grazie a un genio che era giapponese, Haruchika Noguchi.

02.

la-bellezza-del-movimento-intelligenteLa vita si muove.

∅∇∅

Niente vi schiarirà le idee più del movimento, dalla cellula alla galassia, tutto si muove. Il Seitai vi permette – unico al mondo – di comprendere come si struttura la vita, e KU è lo strumento operativo, concreto, reale accessibile a tutti, che vi permetterà di farlo.

03.

La vita ha la sua struttura.

∅∇∅

Magistrale, Rigorosa. Sentiamo sempre termini di questo tipo: controlla le emozioni, correggi i tuoi schemi, potenzia la tua mente… come se la mente fosse qualcosa di onnipotente, invece di essere coordinato ad un sistema vitale. Questo sistema vitale non è conosciuto culturalmente e questo è lo scopo della Cultura Seitai, grazie alle sue pratiche di Katsugen Undo e di Yuki.

Che cosa rigenera?

Il fatto che la testa, sempre tra le nuvole, grazie al movimento spontaneo recupera la sua condizione naturale, quella di appartenere ad un sistema vitale, non di essergli superiore. E in questo KU è davvero insuperabile…

Qual’è allora la struttura della vita? Qual’è la grande scoperta (e sottolineiamo scoperta, non invenzione umana, Noguchi ha scoperto l’America, non l’ha inventata…)

5 movimenti in + e − (continua tensione e distensione) totalmente interdipendenti, uno non può funzionare senza gli altri quattro)

Verticale

Movimento alto/basso, attività biologica contemplativa, attività cellulare pianificatrice, attività psichico/mentale contemplativa.

Vi permette di stare apparentemente immobili, lo usate per pensare, ricordare, vuole esprimersi quando desiderate leggere un buon libro, lo conosce bene chi vuol fare yoga e meditazione…

Frontale

Movimento avanti/indietro, attività biologica motorio/combustiva, attività cellulare pianificatrice, attività psichico/mentale pragmatica.

Che piova e tiri vento non rinunciate al vostro jogging? Vi piace muovervi, fare sport. E’ il movimento frontale che vi sta parlando! Vi permette agire, essere efficienti, ma attenzione, se si sovreccita è la principale causa di ansietà!

Laterale

Movimento destra/sinistra, attività biologica assimilo-circolatoria, psiche empatica, comunicativa, mediatrice.

Quanto piace a molti questo movimento vitale… uscire, incontrare amici, mangiare, ma anche la moda, la bellezza, le modelle di Renoir… Attenzione, però, potreste avere il terrore di rimanere soli e di non poter esprimere la vostra vita emozionale!

Rotazione

Movimento di torsione, attività biologica eliminatoria, attività psichico/mentale competitiva, conclusiva.

Tempi di guerra, competizione, aggressività, ma anche il mondo della musica, il qui e ora… Chi non ha mai sognato di riuscire a mettere a posto questo dinamico e vulcanico movimento?

Multiradiale

Movimento verso il basso e verso il dentro, attività biologica riproduttiva e rigenerativa cellulare, attività psichico/mentale affettiva e assoluta.

Avete letto bene… se cercate una risposta alle vostre ansie religiose, al mistero della Vita e della Morte, alla sessualità è qua che dovete entrare… La fisica si è innamorata di questo movimento, buchi neri, velocità bosonica…

04.

Veniamo al Katsugen Undo…

∅∇∅ 

I 5 movimenti, vitali & intelligenti, come si strutturano nel corpo?Come possiamo muoverli? Nel corpo (che noi chiamiamo CVP, Cranio, Vertebre, Pelvi) ci sono 5 cavità importanti, ognuna delle quali è rigorosamente compartimentata per ospitare ognuno dei movimenti.

Cavità cranica ⇑

Cavità pettorale ⇔

Cavità ventrale ⇐⇒

Cavità eliminatoria ∠

Cavità Pelvica ⇓

Katsugen Undo, come espressione del movimento spontaneo, ha bisogno solo di una cosa: coordinarsi e una sola pratica lo consente: il Katsugen Undo.

Vedete subito che la “mente” e l’attività del Sistema Nervoso Centrale, sono solo un aspetto del movimento vitale… Basta con la dittatura, basta con il lavoro continuamente sovreccitato del cervello, basta con la rincorsa ai metodi innovativi per dominare la mente!

Provatelo da voi…

Se alzate le spalle, queste si alzeranno senza coinvolgere il resto del corpo. Se lo fate a partire dalla zona del ventre, sarà molto difficile, se cercate di farlo dall’area pelvica, otterrete il contrario, un effetto tipo “magnete”, Ma… se lasciate andare verso l’alto la testa, tutto il corpo in modo coordinato salirà verso l’alto, non solo il corpo, ma anche lo sguardo, le braccia e le gambe, seguiranno fedelmente il movimento unificato verso l’alto. Agirà anche a livello psichico-mentale, come se aveste fatto una buona meditazione.

Portate ora in avanti la testa, il resto del corpo non rimane coinvolto ma… basta proiettare in avanti le spalle e tutto si proietterà in avanti; avete la conferma che le spalle sono l’epicentro del movimento avanti e la testa (tanto sopravvalutata…) non può nulla in questa direzione.

Provate ora a bilanciarvi dolcemente tra destra e sinistra, se lo fanno le spalle (provatelo, a mò di aeroplano) di certo vi inclinate come nei sani esercizi di ginnastica, ma la testa rimane fissa tra le spalle e le gambe non vengono coinvolte… Ma se appoggiate una mano sul ventre, vedrete che tutto il movimento laterale avviene dolcemente e piacevolmente.

Ruotate la testa, riuscirete a farlo di pochi gradi, un po’ di più con le spalle, ma se ruotate il giro vita ruoterete tutto il corpo con grande facilità, in modo coordinato; non solo, avete una percezione immediata dell’intorno immediatamente circostante.

Provate a “compattare” tutto il corpo, come una molla. Se a farlo è la testa, tanto per cambiare, il resto del corpo non verrà coinvolto, anche se troviamo in giro molte persone con la testa come dentro il carapace della tartaruga, immersi nei loro inspiegabili problemi e ricordi… Il ventre e il giro vita rendono impossibile questo movimento ma… se andate verso il basso e verso il dentro, tutto il corpo si compatterà; a farlo è il bacino. Il bacino si chiude e tutto si chiude, il bacino si apre e tutto si aprirà.

La parola chiave vincente è… coordinazione. Voi potrete fare tutto lo stretching che volete o parlare alle cellule dei vostri tessuti, ma se una zona – ammettiamo una ben precisa area cerebrale, rimane perennemente in stato di sovreccitazione – impedirà alle vertebre verticali o lombari o a certi tessuti di lasciar andare la tensione…

Già a partire da queste poche indicazioni e soprattutto sapendo esiste un movimento vitale e intelligente e che ciò che gli altri chiamano “problema” è la stessa tua Vita congelata e coagulata da qualche parte che non aspetta altro che muoversi.

Di ognuno di questi movimenti naturali cercane un automatismo sempre dolce e piacevole, alto/basso, avanti/indietro, destra/sinistra… Un vaiven, come si dice in spagnolo, un perpetuum mobile, come diciamo noi. Tensione /distensione, seguirai solamente il tuo movimento senza dover seguire indicazioni, o metodi. A un certo punto, come in una magica sinfonia, aggancerai il tuo movimento vitale, non uno qualunque, non quello della danza che tanto ti piace, ma quello della vita, i 5 movimenti in + e in −, cominceranno a combinarsi, in forma unica e irripetibile, lenta e dolce, o dinamica, incluso quasi immobile ed estatica, ripetitiva, ogni volta diversa.

E’ cominciata la tua avventura, se vuoi condividerla con noi e con i nostri introduttivi al seitai, sei il benvenuto e puoi contattarci, altrimenti, già questo può bastare.

Noi lavoriamo con lo spontaneo...

KU NON E’ PER TUTTI…

E’ solo per chiunque sia vivo, voglia risvegliare il proprio vigore e il proprio desiderio vitale, per chi non cerca una terapia, ma cambiare per sempre il rapporto con la vita e la salute…